Novak Djokovic: Uomo o macchina?

Novak Djokovic posa con il titolo di WimbledonÃ??Â

Novak Djokovic posa con il titolo di Wimbledon

Ciò che rende Novak Djokovic speciale? È il suo bottino di nove titoli del Grande Slam? O la sua capacità di lottare per ogni singolo punto, inseguire ogni singola palla, per quanto inutile possa sembrare? Più lo vediamo giocare, più ci rendiamo conto che non è un normale essere umano. Dopotutto, ci vuole qualcosa di speciale per raggiungere le 17 finali del Grande Slam giocando tra pari come Roger Federer, Andy Murray e Rafael Nadal.

La consistenza del gioco di Djokovic è sorprendente. La sua capacità di colpire la stessa palla in 50 punti diversi del campo è qualcosa che non può essere insegnata. Ma alla fine, è la mentalità del suo campione che lo separa dal resto del branco.

I primi anni

Djokovic è nato e cresciuto in Serbia sotto la severa guida dell'allenatore Jelena Gencic, che ha dato forma alle prime parti di quella che sarebbe diventata l'ultima macchina competitiva. Trasferitosi in Germania per migliorare il suo gioco, il potenziale del ragazzo allampanato è stato facile da individuare. Un campione a livello under 14 e under 16, non ci sarebbe voluto molto prima che Djokovic facesse la sua svolta professionale.

scarpe da tennis glitter oro

Ha guadagnato i suoi primi punti ATP vincendo il torneo Futures ospitato dal tennis club Red Star.

Djokovic ha giocato la sua prima partita di Coppa Davis in un pareggio contro la Lettonia e ha guadagnato un punto alla sua squadra. Ha vinto il suo primo torneo ATP Challenger a Budapest, dove ha iniziato come qualificatore, e lo ha seguito con un altro evento challenger in Germania, finendo la stagione 2004 con un ranking di 184 nel mondo. Questo era solo l'inizio delle cose a venire.

L'emergere di una centrale elettrica

Il 2005 è stato l'anno più importante di Djokovic fino a quel momento della sua carriera. Si è qualificato per il suo primo Grande Slam in Australia e ha fatto il terzo turno a Wimbledon, seguito dal terzo turno agli US Open, chiudendo l'anno al 78esimo posto nel mondo.

Il suo primo vero successo, tuttavia, è arrivato nella stagione 2007 dove ha vinto un titolo ad Adelaide seguito dai quarti agli Australian Open e le finali agli US Open. Il successo a Montreal lo ha catapultato nella top 3, un posto che ha mantenuto per 91 settimane.

Ma nonostante tutto il suo talento, doveva ancora vincere un Grande Slam.

Il primo Grande Slam

Questo sarebbe presto cambiato quando ha demolito Roger Federer nelle semifinali degli Australian Open 2008 e ha continuato a conquistare il titolo battendo Jo-Wilfried Tsonga in finale. Fu allora che la gente si rese conto per la prima volta che Djokovic era qui per restare.

impugnatura da tennis

Il successo di Melbourne ha aperto le porte. Una vittoria dopo l'altra lo ha spinto al numero 2 del mondo, mentre si avvicinava sempre di più al suo sogno di diventare il numero uno al mondo. Ma c'era ancora molta strada da fare. Con un solo Grande Slam alle spalle, era, anche allora, trattato come un ragazzo appariscente sul blocco che cercava di esercitare il suo mestiere con i grandi.

Il Djoker guadagnava costantemente quarti e semifinali, ma la sua mancanza di forma fisica era motivo di preoccupazione per molti. Spesso si ritirava dalle partite o soffriva di colpi di calore e altri disturbi durante le partite. Non era affatto vicino alla sua forma ottimale, e lo sapeva.

Durante la bassa stagione, iniziò a seguire un rigoroso programma di allenamento e passò a una dieta priva di glutine che alla fine avrebbe pagato i dividendi. Lo ha portato molto più vicino ad essere la persona più in forma del pianeta.

Entrata nel libro dei record

Il 2011 è stata la realizzazione della macchina. Una striscia di 43 vittorie consecutive all'inizio della stagione ha cementato il suo posto nella storia. Alla fine è riuscito a realizzare il suo ambito sogno di sollevare il trofeo di Wimbledon e lo ha seguito con la vittoria agli US Open.

come capire se un braccialetto tennis di diamanti è vero?

In una dichiarazione ha detto: sognavo di diventare il numero uno. Wimbledon era in quei sogni. Poi, in soli due giorni, i miei sogni si sono avverati.

Novak alza il suo primo trofeo US Open nel 2011

Novak alza il suo primo trofeo US Open nel 2011

Il 2012 è iniziato con un altro titolo all'Australian Open. Era diventato uno dei concorrenti più feroci e in forma del tour, come si poteva dedurre dalla sua finale di maratona di 5 ore e 53 minuti contro Nadal.

Djokovic ha ricevuto il Laureus Award di Sportsman of the Year quell'anno - è il premio sportivo più prestigioso votato da un'Accademia che comprende le più grandi leggende dello sport di tutti i tempi.

La Repubblica di Serbia gli ha conferito la massima onorificenza statale del paese, la Karadjordjeva Star Medal, per i meriti speciali e il successo nel rappresentare la Serbia. È stato anche nominato una delle 100 persone più influenti al mondo dalla rivista TIME,

Djokovic ha ricevuto due riconoscimenti eccezionali per la sua stagione 2012: l'Arthur Ashe Humanitarian of the Year, che riconosce l'eccezionale contributo umanitario, e il premio ATP World Tour No.1.

qual è la migliore racchetta da tennis?

Alla fine si era davvero affermato come il numero uno del mondo.

Mantenere la stretta strangolamento

Un altro record aveva il nome di Djokovic quando vinse l'Australian Open per la terza volta consecutiva nel 2013. I record continuavano a crollare e non c'era modo di fermare il colosso serbo.

Nel 2014 ha avuto un altro Wimbledon da aggiungere alla sua già crescente lista di titoli in singolare. Con sette titoli del Grande Slam, aveva superato Boris Becker e si era avvicinato alla revisione di John McEnroe. L'unico titolo che gli mancava era l'Open di Francia, che gli era stato negato ancora una volta da Nadal.

Un Djokovic in lacrime ha giurato di tornare. Ha concluso l'anno al n. 1 ancora una volta.

Il 2015 è iniziato in modo simile agli altri anni, con il serbo che ha conquistato il suo quinto Australian Open sconfiggendo ancora una volta Andy Murray in finale. Ha seguito questo con un'altra finale del Roland Garros, ma questa volta è stato nuovamente battuto in vetta da Stan Wawrinka. Devastato, ha optato per una pausa, tornando per conquistare il suo terzo titolo a Wimbledon e il nono Grand Slam in totale.

Ancora solo 28 anni e nel pieno della sua carriera, Djokovic è un vero modello per i giovani in erba che cercano di intraprendere il gioco. È l'atleta e il gentiluomo perfetto per l'avvio. Vedremo mai un altro come lui?

Grazie, Novak, per averci dato il piacere di vederti fare ciò che sai fare meglio.

Questioni Popolari

Ci sono più cose da fare con i vestiti che non ci stanno che trasformarli in stracci. Ecco alcuni modi divertenti e creativi per rinnovare abiti attillati per creare nuovi vestiti, borse e altro ancora. Appoggia la tua maglietta aderente. Misura una linea ...

Il bowling veloce è uno dei due principali stili di consegna nello sport del cricket, l'altro è lo spin bowling. Un bowler veloce e competente può essere una risorsa importante per la sua squadra, ma acquisire le abilità necessarie per portare la palla al wicket richiede ...

Gli appartamenti del teatro, o degli scenari, sono posti sul retro e sui lati di un palcoscenico e dipinti per fornire uno sfondo per lo spettacolo. Gli appartamenti sono disponibili in due stili. Un piatto di Broadway viene realizzato stendendo una tela su un telaio per creare un ...

Come ottenere una lettera di college. Una lettera dell'università è un onore dato al liceo per gli studenti che hanno successo in un campo particolare. Sebbene tradizionalmente distribuito per l'atletica, puoi anche ricevere lettere universitarie per lavori di volontariato e ...

Non c'è niente come una nuova borsa o giacca di pelle. Ma la pelle fresca di fabbrica è spesso rigida e inflessibile, il che può mettere un freno al tuo look e rendere la modellazione dei tuoi nuovi accessori poco confortevole. Fortunatamente, è ...